World of Warcraft: Priest Shadow PVE Guide

In questo articolo vedremo come trasformare la classe Priest in una macchina per fare DPS. Per farlo sfrutteremo le potenzialità offerte dal ramo dei talenti Shadow e vedremo la rotazione delle spell e naturalmente i socket e gli incanti che migliorano la prestazione dps. Farò riferimento naturalmente alla versione 3.3.5a del client in quanto gioco attualmente sul miglior shard free italiano ovvero Talecraft che si trova per l’appunto a questa versione del gioco!

La Spec.

Per il prete shadow DPS PVE esistono fondamentalmente due correnti di pensiero, non esiste la migliore o la peggiore, sono due modi diversi di viversi il Prete Shadow e sta al proprio gusto scegliere la spec che meglio si addice al nostro modo di giocare.

Shadow Affinity Spec

Shadow Inner Focus Spec

La differenza sembrerebbe minima (un semplice punto talento) ma a mio parere è sostanziale. La prima punta sul massimizzare i danni con le spell che il ramo shadow ha da offrire, includendo (cosa non da poco) un punto talento in più sul talento che non solo ci farà abbassare il nostro treath (per la gioia di chi tanka) ma ci permetterà di riguadagnare mana ogni volta che i nostri dot saranno dispellati (in pve non succede quasi mai che un dot venga dispellato), mentre la seconda spec include una nuova spell che dovrà essere inclusa nella nostra rotazione e che ci permetterà di castare gratis una spell con il 25% di critico in più.

Personalmente preferisco la Affinity Spec in quando Inner Focus mi sembra una spell che in  una situazione di Raid con tutti i Buff attivi fà cambiare veramente poco in termini di DPS e aumenta notevolmente lo sbattimento della rotazione delle spell che con la spec che preferisco diventa semplice e a prova di sonno (visto gli orari in cui solitamente gioco).

Rotazione DpS

Partiamo dal concetto fondamental che il Priest Shadow non ha una rotation definita ottimale. E’ un pò come il paladino dove la spell che possiamo castare è sempre la scelta giusta! Ecco comunque la mia apertura e la mia rotazione a combattimento iniziato:

Apertura:
Vampiric Touch/ Shadow Word: Pain/ Devouring Plague/ Mindblast/ Mindflay x3
Rotation:
VT/DP/MB/SW: D/ MFx3

Glifi

Per il prete shadow dps la scelta dei glifi è praticamente obbligata.

Glifi maggiori:
Glyph of Shadow
Glyph of Shadow Word: Death
Glyph of Mindflay
Glifi Minori:
Glyph of Fading
Glyph of Shadowfiend
Glyph of Levitate (ok questo vi servirà solo per cazzeggiare quando vi annoiate ma tanto non c’è di meglio)

Statistiche

Hit Rating: Come per ogni DPS cappare Hit Rating è FONDAMENTALE pensate prima alla hit e poi vedete tutto il resto. Per il prete shadow il cap è raggiungere il 12% di HIT RATING passivo. Raggiunto il cap possiamo pensare alle altre statistiche fondamentali per il prete.

Ora tutti voi lettori saprete che i caster hanno bisogno dello spell power…Molti di meno invece sapranno che c’è una statistica ancora più importante per il prete shadow che non è lo spell power bensì L’Haste Rating.

Il vostro obiettivo nell’end game dovrà essere quello di arrivare a 1200 Haste Rating per massimizzare il vostro DPS.

ma cosa se ne fà un prete shadow che è tutto una istant spell della haste ? E’ presto detto: l’aste rating oltre a diminuire il tempo di cast di una spell aumenta in maniera proporzionale il numero di trick che un danno DOT farà in un determinato lasso di tempo.

In altre parole più haste rating avremo e più i nostri dot genereranno danni nel tempo che il dot rimarrà sul nostro obiettivo (e che rimarrà invariato). Per vedere una tabella del numeri di trick rispetto al proprio haste rating potete dare un’occhiata a questa tabella:

haste e dot trick

Non mi resta che augurarvi buon raid con il vostro prete shadow!